New Release - Enrico Pieranunzi - The Day After The Silence (Vinyl Remaster)

New Release - Enrico Pieranunzi - The Day After The Silence (Vinyl Remaster)

New Release - Enrico Pieranunzi - The Day After The Silence (Vinyl Remaster)

(IT) Il 27 gennaio scorso è stato pubblicato "The day After The Silence" nella versione "Re-Mastered da Analog Tape Master" primo album del grande Pianista e Maestro Enrico Pieranunzi.

Tale opera di re-mastering rientra nel progetto "Hi Jazz" ed è stata realizzata da Forward Studios a cura dei suoi Mastering Engineers, Carmine Simeone e Marcello Spiridioni, che, con alcuni speciali processamenti analogici hanno recuperato e restaurato i materiali audio direttamente dagli originali masters su nastri magnetici registrati nel 1976, ed ai quali, con l'ausilio di particolari tecniche di "Re-Mastering", hanno restituito loro una rinnovata vitalità.

Un grazie a Fabrizio Salvatore ed Alessandro Guardia di Alfamusic che con le loro professionalità ci hanno supportato consegnandoci l'onore e la responsabilità di realizzare tale delicato lavoro.

Un grazie speciale al Maestro Enrico Pieranunzi per la Sua Arte e la grande disponibilità.

 

Website: www.enricopieranunzi.com

Wikipedia: Enrico Pieranunzi

Audio Preview: The Day After The Silence

iTunes Store: The Day After The Silence (Vinyl Remaster)

 

Dalle note di copertina di Maurizio Franco.

Quando Enrico Pieranunzi incise questo Album, il primo in piano solo della sua carriera e il secondo in assoluto, l'Italia stava attraversando una fase politica esplosiva, di cui si sentivano gli effetti anche sulla nuova scena jazzistica, nella quale stava cominciando a ridursi lo iato con gli altri paesi europei; il jazz italiano si apprestava a vivere un vero e proprio rinascimento, che avrebbe portato a una crescita esponenziale nella quantità di musicisti e nella varietà delle tendenze.

"The day after the silence", a quasi quarant'anni dalla sua prima pubblicazione può ritenersi un Album..."contemporaneo", perché uno degli aspetti del presente jazzistico è proprio la varietà di riferimenti, lo sguardo senza pregiudizi a tutto il passato al fine di costruire in modo nuovo la musica di oggi, cioè una maniera di concepire il jazz di cui Pieranunzi è stato, in Italia, uno dei primi esempi. Tra l'altro, gli influssi più avvertibili nel suo linguaggio di allora erano quelli di McCoy Tyner e Chick Corea, soprattutto per la concezione armonica di tipo tonale-modale, mentre le sue composizioni si rivelavano già personali e interessanti, offrendo un florilegio di situazioni differenti che rifletteva un mondo musicale ricco di spunti e di fantasia.

Un gioiello musicale di grande interesse, che era doveroso recuperare e in cui troviamo quella parte della personalità di Pieranunzi divenuta, negli anni, un retaggio sotterraneo, ma sempre vivo, nel suo ricco e immaginifico mondo musicale.

 

"Ritenevo la musica un'espressione prima di tutto umana più che politica, portatrice di una sua propria politica, quella della bellezza” 

Enrico Pieranunzi

 

Share this Post: